JOHN STUART MILL – Sulla libertà (1859)

SULLA LIBERTA

Sulla Libertà di John Stuart Mill rappresenta uno dei più eloquenti, significativi e influenti testi a difesa dell’individualità umana che siano mai stati scritti, e ancora oggi viene considerato un classico della filosofia liberale. L’argomento del saggio, come spiega l’autore nelle prime righe, non è l’esistenza o meno del libero arbitrio nell’uomo, ma la libertà civile, cioè la natura ed i limiti del potere che la società può legittimamente esercitare sull’individuo. Mill spiega che la libertà individuale è la fonte della creatività umana e di ogni progresso intellettuale, e che soffocare le idee minoritarie danneggia anche le maggioranze. In molti passaggi Mill polemizza, un po’ come aveva fatto Tocqueville, contro la tirannia della maggioranza esercitata dalla società, più che contro quella esercitata dai parlamenti, trascurando la tipica distinzione dei liberali classici fra le misure di coercizione e le semplici sanzioni sociali o morali.

'Soffocare le opinioni non convenzionali danneggia soprattutto la maggioranza'

'Soffocare le opinioni non convenzionali danneggia soprattutto la maggioranza'
10

iMPORTANZA

10/10

Pros

  • Trama di Guglielmo Piombini