BARRY GOLDWATER – Il vero conservatore (1960)

The Conscience of a Conservative, tradotto in italiano con il titolo Il vero conservatore, può essere considerato il manifesto elettorale di Barry Goldwater, candidato alle elezioni presidenziali americane del 1964 per il Partito Repubblicano. Anche se Goldwater venne seccamente sconfitto dal candidato del Partito Democratico Lyndon Johnson, successore dell’assassinato John F. Kennedy, le idee presenti in questo libro posero le basi per la rinascita del conservatorismo americano nei decenni successivi. L’autore dimostra in questo libro di essere un liberale classico nella migliore tradizione americana. Egli parte dal presupposto che non sia possibile combattere il comunismo, accettando allo stesso tempo il socialismo nel proprio paese; e che quindi, se gli americani vogliono respingere i comunisti, devono cominciare col rigettare tutti i tentativi socialisti compiuti in casa propria, dalle tasse all’assistenza pubblica, dalla scuola al professionismo politico. L’elezione di Ronald Reagan, quindici anni dopo, e il successivo crollo dei regimi comunisti rappresentarono una rivincita postuma delle idee di Goldwater.

'Il conservatore applica la saggezza passata ai problemi d'oggi'

9

IMPORTANZA

9.0/10

Pros

  • Trama di Guglielmo Piombini