EDUARD BERNSTEIN – I presupposti del socialismo e i compiti della socialdemocrazia (1899)

I PRESUPPOSTI DEL SOCIALISMO

Eduard Bernstein fu uno dei massimi esponenti del socialismo della Seconda Internazionale, e I presupposti del socialismo e i compiti della democrazia rappresenta la sua opera più significativa. Tra il 1896 e il 1903 innescò un dibattito fondamentale nella storia del movimento operaio con la sua proposta di revisione del marxismo in senso riformistico. Bernstein faceva notare che le predizioni di Marx sull’imminente e inevitabile crollo del capitalismo non solo non si erano verificate, ma vi erano prove evidenti che negli ultimi decenni le condizioni della classe operaia erano notevolmente migliorate sul piano politico ed economico. I socialisti dovevano dunque abbandonare l’idea di abbattere il capitalismo per via rivoluzionaria, e perseguire invece un programma di riforme all’interno di un sistema democratico. I custodi dell’ortodossia marxista come Luxemburg, Kautski, Plekhanov e Lenin accusarono Bernstein di voler liquidare il marxismo più che revisionarlo, dato che ne metteva in discussione i principi fondamentali come il materialismo storico, la rivoluzione o la lotta di classe. In larga misura, tuttavia, i movimenti socialisti europei seguiranno le idee riformiste di Bernstein, abbandonando di fatto la tradizione rivoluzionaria marxista.

'Le condizioni dei lavoratori miglioreranno con le riforme graduali, non con le rivoluzioni'

9

Importanza

9.0/10

Pros

  • Trama di Guglielmo Piombini