BENEDETTO CROCE, LUIGI EINAUDI – Liberismo e liberalismo (1927-1948)

Il volume raccoglie gli scritti dei due maggiori esponenti del liberalismo italiano in merito al famoso dibattito sulla concezione liberale della libertà. Per il filosofo napoletano la libertà è un concetto etico e filosofico, di natura spirituale, privo di connessioni necessarie con la libertà meramente economica, che riguarda le meno elevate attività pratiche miranti all’utile. Secondo questo punto di vista, a seconda delle circostanze una società liberale può adottare o meno le ricette liberiste. Per l’economista piemontese, al contrario, non è nemmeno concepibile l’idea che si possa accrescere la libertà degli individui con misure che riducano la libertà d’iniziativa economica. Einaudi ricorda a Croce che anche nella libertà economica vi sono principi e virtù morali: il coraggio d’intraprendere, la voglia di un meritato successo, l’assunzione di responsabilità, la necessità di riconoscere il merito là dove si manifesta.

'Una società può essere libera anche senza libertà economica?'

9

importanza

9.0/10

Pros

  • Trama di Guglielmo Piombini