ALAIN TOURAINE – Libertà, uguaglianza, diversità (1997)

LIBERTA UGUAGLIANZA DIVERSITA

In Libertà, uguaglianza, diversità (2009) il famoso sociologo francese Alain Touraine si domanda se sia possibile ritrovare un principio che tenga insieme le nostre istituzioni sociali di fronte ai fenomeni in atto, che tendono a disgregarle. Le forze della disgregazione sono quelle della globalizzazione economica da un lato, e dell’identitarismo comunitario dall’altro. Mentre l’economia spinge verso l’apertura e dell’individualismo, la cultura spinge verso la direzione opposta, quella della chiusura e del tribalismo. Entrambe le tendenze, tuttavia, tendono a mettere in crisi le istituzioni dello Stato democratico, nelle quali i cittadini non riescono più ad identificarsi come un tempo. L’idea centrale di questo libro è che l’unico modo per rifiutare allo stesso tempo il potere assoluto dei mercati e la dittatura delle comunità, consiste nel mettersi al servizio dell’individuo e della sua libertà, lottando su due fronti: quello dei flussi desocializzati dell’economia finanziaria e quello della chiusura dei regimi neocomunitaristi. Solo così l’universo economico e quello culturale potranno tornare a conciliarsi. Il libro di Touraine è una lettura impegnativa, ma il lettore è ripagato perché avverte lo sforzo titanico dello studioso di armonizzare esigenze diverse come la libertà, l’uguaglianza e la diversità degli individui.

'I mercati aperti e le comunità chiuse stanno disgregando la società'

9

IMPORTANZA

9.0/10

Pros

  • Trama di Pietro Agriesti