JOSÉ ORTEGA Y GASSET – La ribellione delle masse (1930)

LA RIBELLIONE DELLE MASSE

La ribellione delle masse del filosofo spagnolo José Ortega y Gasset rappresenta una delle più profonde analisi della crisi morale e intellettuale dell’Europa nel periodo compreso tra le due guerre mondiali. Dopo anni di militarizzazione della società gli uomini europei si erano ormai assuefatti all’onnipotenza statale, ed erano pronti a seguire le parole d’ordine gridate da Benito Mussolini: “Tutto nello stato; nulla fuori dallo stato; nulla contro lo stato”. Il fatto che emergessero dappertutto atteggiamenti e idee anti-liberali rivelava in modo inequivocabile che la continuità storica della civiltà occidentale stava per essere spezzata. L’Europa stava volgendo le spalle alla sua tradizione culturale in nome di valori e di progetti politici che mettevano in luce un inquietante imbarbarimento degli spiriti. Occorreva pertanto diagnosticare al più presto il male oscuro che stava corrodendo i principi morali che per generazioni avevano guidato l’uomo occidentale. Con La ribellione delle masse Ortega intese, per l’appunto, compiere tale diagnosi.

'L'uomo massificato ha prodotto il totalitarismo'

'L'uomo massificato ha prodotto il totalitarismo'
9

IMPORTANZA

9.0 /10

Pros

  • Trama di Guglielmo Piombini