VILFREDO PARETO – Corso di economia politica (1896-1897)

CORSO DI ECONOMIA POLITICA

Vilfredo Pareto è il più noto economista italiano, e la sua opera esercita ancora oggi una grande influenza in diversi campi delle scienze sociali. Nell’imponente Corso d’economia politica, oltre millecento pagine fittamente annotate, Pareto entra nel vivo della realtà sociale con vaste incursioni nella sociologia e nella storia che mettono in mostra una vasta erudizione. Successivamente criticherà questo proprio lavoro, ritenendolo troppo impregnato di giudizi politici e di valore, e una decina d’anni dopo scriverà il più asettico e “scientifico” Manuale di economia politica. In realtà proprio il forte coinvolgimento dell’autore nelle passioni civili e politiche del suo tempo rende affascinante la lettura del Cours. L’analisi distaccata dello scienziato è mischiata con le polemiche contro le malefatte delle classi politiche, le manipolazioni della moneta, il protezionismo, i monopoli, le spogliazioni legalizzate. Pareto credeva ancora di poter convertire gli uomini del suo tempo appellandosi alla scienza e alla ragione: una speranza che lo abbandonerà con il passare degli anni, quando il suo atteggiamento verso le vicende del mondo si farà sempre più cinico e disincantato.

'La concorrenza è sempre superiore al monopolio'

'La concorrenza è sempre superiore al monopolio'
9

importanza

9/10

    Pros

    • Trama di Guglielmo Piombini

    Cons