MILOVAN GILAS – La nuova classe (1957)

LA NUOVA CLASSE

La nuova classe è stato giudicato dal New York Times uno dei cento libri più influenti del ventesimo secolo. L’opera di Milovan Gilas, alto dirigente comunista iugoslavo diventato dissidente, rappresenta infatti una delle prime critiche al socialismo realizzato che individua nello statalismo comunista una forma di dominio parassitario della classe politico-burocratica sulle classi produttive. L’analisi contenuta nel libro La nuova classe contiene una penetrante critica al concetto di proprietà collettiva e la dimostrazione della tendenza burocratica e totalitaria del comunismo.

'Una nuova classe burocratica ha preso il potere nei paesi comunisti'

'Una nuova classe burocratica ha preso il potere nei paesi comunisti'
9

Importanza

9/10

    Pros

    • Trama di Guglielmo Piombini

    Cons

    Un pensiero su “MILOVAN GILAS – La nuova classe (1957)

    I commenti sono chiusi.